RICERCA CONTINUA

Monitorare, Certificare e Validare

LE ATTIVITÀ

Il metodo di fondazione carolina

1. MONITORAGGIO: Monitoraggio continuo e analisi dei pericoli online, in particolare cyberbullismo e altre forme di violenza online

2. FORMAZIONE CERTIFICATA: Advocacy affinché la formazione degli educatori in tema cyberbullismo sia standardizzata, certificata e sottoposta a periodici aggiornamenti.

3. VALIDAZIONE DELL’IMPATTO: Advocacy per una validazione scientifica dell’impatto formativo

1. MONITORAGGIO E ANALISI

La Rete viaggia sempre più veloce e, con lei, le mode, il linguaggio e i fenomeni sociali: è importante tenere il passo rispetto alle ultime tendenze, dal social più frequentato alla challenge del momento. Monitorare le abitudini dei ragazzi sul web significa conoscere pericoli, rischi e paure delle nuove generazioni.

Il Centro Studi della Fondazione opera con sondaggi territoriali e nazionali, attinge e contribuisce a ricerche nazionali e internazionali: 

  • Quali sono le tendenze online, 
  • Di quali informazioni abbiano bisogno gli educatori e i ragazzi sul cyberbullismo,
  • In cosa esattamente consista il cyberbullismo, 
  • Quali siano le sue derivazioni,
  • Quali siano i maggiori pericoli sottesi al cyberbullismo.

Per la redazione e aggiornamento dei suoi percorsi formativi ed educativi, Fondazione Carolina si avvale di tali ricerche e valutazioni affinché l’intervento sia attuale e risponda alle reali necessità del momento, sia del ragazzo che della comunità educante.

SONDAGGIO SULLA VITA ONLINE DEI MINORI ITALIANI E PERCEZIONE DEL GENITORE

Tra l’aprile 2020 e il marzo 2021 Fondazione Carolina, in collaborazione con ill SED di Prato Servizi Educazione Digitale, ha realizzato e distribuito online 4 sondaggi sulla vita online dei minori e la consapevolezza che ne hanno i loro genitori

È fondamentale conoscere le dinamiche che i minori esperiscono nelle numerose ore che passano online, DAD inclusa. Ed è altrettanto importante che il genitore sia conscio di quali “posti” frequenti online il figlio e delle forme di tutela da poter mettere in atto. 

Il sondaggio è stato distribuito attraverso gli Istituti scolastici e ha dato modo alla Scuola stessa di acquisire maggiore conoscenza e coscienza della necessità – o meno – di interventi di sensibilizzazione e formazione per la prevenzione e cura del cyberbullismo.

I sondaggi erano compilabili online, in totale anonimato, tramite link fornito alla Scuola,inoltrati poi alle classi tramite registro elettronico. 

I questionari,suddivisi in due fasce di età, 9/12 e 13/16 anni, sono stati redatti ciascuno in due versioni: per il ragazzo una per il genitore. Questo ha permesso già all’adulto in fase di compilazione di percepire le sue lacune in merito alla effettiva conoscenza della vita online del figlio. 

Il riscontro da tale monitoraggio è stato importante: più di 6.000 risposte a 40 domande e commenti molto positivi rispetto all’utilità dello strumento fornito.

2. FORMAZIONE IN CYBERBULLISMO

Fondazione Carolina crede nella formazione professionale in ambito cyberbullismo

A tale scopo realizza percorsi professionali e verificati per educatori: insegnanti, animatori, coach sportivi, assistenti sociali.

Tali percorsi hanno lo scopo di affrontare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo analizzando tutti gli aspetti:

  • aspetti giuridici del cyberbullismo 
  • valenze sociologiche del cyberbullismo 
  • rischi psicologici del cyberbullismo
  • dati tecnici su cyberbullismo

Fornendo ai partecipanti una serie di strumenti pratici per riconoscere tempestivamente i segnali di disagio e applicare da subito, nel contesto in cui operano, linee di intervento rivolte alla vittima ma anche al cosiddetto bullo.

Obiettivi della formazione professionale in Cyberbullismo

  • Conoscere le applicazioni di messaggistica istantanea e i social network maggiormente utilizzati e vissuti dai ragazzi
  • Conoscere il mondo dei social network e dei sistemi di messaggistica istantanea (limiti di età, funzionamento, implicazioni legali) 
  • Promuovere un uso corretto delle applicazioni di messaggistica istantanea, dei videogiochi e dei social network maggiormente utilizzati e vissuti dai ragazzi
  • Analizzare i reati connessi ad una modalità scorretta di vivere la Rete e alle dinamiche comportamentali durante la DAD 
  • Approfondire le norme previste dalla L.71/2017 contro il cyberbullismo e dal GDPR in materia di privacy 
  • Comprendere le responsabilità di dirigenza scolastica, docenti e personale ATA, in caso si verifichino episodi di cyberbullismo all’interno della propria scuola 
  • Avere linee guida per la gestione in situazione: come affrontare un episodio di cyberbullismo 
  • Riconoscere tempestivamente i segnali che potrebbero indicare che il proprio figlio è vittima di cyberbullismo e attivare linee di intervento in famiglia 
  • Conoscere quali sono gli strumenti oggi a disposizione per garantire ai ragazzi una navigazione sicura e controllata 
  • Conoscere le principali manifestazioni di bullismo, cyberbullismo e sexting 

3. VALIDAZIONE DELL’IMPATTO

Fondazione Carolina realizza costantemente attività di monitoraggio per la misurazione e la verifica degli impatti sociali delle azioni proposte alle comunità educanti. 

Fondazione Carolina ritiene che tale validazione scientifica dell’impatto diventi la modalità di intervento richiesta agli operatori in ambito educativo-psicologico per la prevenzione del cyberbullismo.

Fondazione Carolina crede nell’importanza sostanziale e non formale dei suoi interventi educativi e formativi. 

A supporto di questa filosofia, il monitoraggio costituisce azione trasversale e costante, ovvero la misurazione degli impatti è prevista sia in itinere sia a valle, dal momento che è necessario registrare ogni cambiamento di atteggiamenti, comportamenti e percepiti quando si tratta di minori.

La verifica dei cambiamenti percepiti e impressi può avvenire attraverso:

  • Un questionario rivolto ai teenager coinvolti nelle azioni nel merito delle iniziative; il questionario viene somministrato prima sia dopo gli interventi, al fine di rilevare l’eventuale cambiamento e la relativa percezione di un miglioramento collettivo;
  • Un questionario di valutazione e gradimento delle singole attività, somministrato alle agenzie educative coinvolte, ovvero agli educatori, professionisti o volontari, e ai familiari dei ragazzi interessati dalle attività formative, per testare, attraverso la voce della comunità educante, la capacità di penetrazione dei messaggi sociali sottesi al progetto e la percezione del cambiamento;
  • Una relazione sullo stato d’animo prima e dopo gli interventi supportivi rivolti ai ragazzi in situazione di fragilità, condotta sotto forma di intervista dagli operatori ai medesimi soggetti;
  • Focus group condotti su operatori di progetto, educatori dei poli e adolescenti nella fase conclusiva.

COSA FACCIAMO

Ricerca

Ricerca

La Rete viaggia sempre più veloce e così le mode, il linguaggio e i fenomeni sociali. È importante tenere il passo rispetto alle ultime tendenze, social e le challenge del momento.

Prevenzione

Prevenzione

La nostra mission è realizzare un futuro in cui la Rete sia un “luogo” sicuro per i bambini e gli adolescenti, riscoprendo il valore delle relazioni autentiche anche sui social.

Supporto

Supporto

Il nostro supporto, soprattuto per i casi di violenza online. Una squadra agile, efficace e tempestiva per i casi più gravi di bullismo, cyberbullismo e fenomeni illegali in Rete.

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Il bilancio di Fondazione Carolina
è stato cerficato da
PricewaterhouseCoopers SpA

Contatti

Fondazione Carolina
Sede Legale: viale Sondrio 7
20124 MILANO

  info@fondazionecarolina.org

  ufficiostampa@fondazionecarolina.org

  Segreteria organizzativa: 342 1711228

  Ufficio stampa: 348 2856003

CF 97802370151

Contattaci

Privacy Policy