bandi per le scuole

Tutela dei minori online

Contrasto dei fenomeni illegali

 

I NOSTRI BANDI

A CHI SI RIVOLGONO

Fondazione Carolina propone bandi per il finanziamento di azioni di rete territoriale per incentivare la tutela dei minori sul web e contrastare i fenomeni illegali nella rete. I bandi si rivolgono alle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, sull’intero territorio nazionale, che vogliano promuovere percorsi formativi in partenariato con attori locali impegnati in varia misura nell’educazione dei giovani.

Pur individuando le scuole come capofila, i beneficiari del bando non risultano solamente gli studenti, ma anche le famiglie, gli insegnanti, i docenti referenti per il cyberbullismo, il personale ATA e tutti gli adulti con responsabilità educativa.

A SCUOLA DI LIKE

Il cambiamento, quello vero, quello duraturo, passa attraverso le piccole cose, come un seme che in sé contiene la forza di una quercia.. E diventa ancora più prezioso se quel piccolo seme è custodito e cresce assieme alle nuove generazioni.

Questo è ciò in cui crede Fondazione Carolina: informazione, sensibilizzazione, diffusione della consapevolezza riguardo alla dimensione online. Un mondo in cui bambini e ragazzi, in media, passano almeno lo stesso numero di ore che passano a scuola. Spesso senza la conoscenza dei modi più sani per vivere quel mondo in cui bullismi e violenza verbale sono all’ordine del giorno.

Partendo, dunque, dalla filosofia del lavoro di sviluppo di reti nel territorio, A scuola di likeè il bando con cui  Fondazione Carolina ha finanziato tra il 2019 e il 2021 azioni di rete territoriale per incentivare la tutela dei minori sul web e contrastare i fenomeni illegali nella rete. L’iniziativa era rivolta alle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, sull’intero territorio nazionale, che volessero promuovere percorsi formativi in partenariato con attori locali impegnati in varia misura nell’educazione dei giovani.

Le scuole vincitrici, malgrado le enormi difficoltà create dal lockdown, dal distanziamento sociale, dall’imprevedibilità del calendario scolastico, hanno realizzato progetti di incredibile potenza ed efficacia comunicativa, che hanno visto bambini e ragazzi protagonisti in prima linea e non solo fruitori delle attività. Docenti, personale ATA e famiglie hanno beneficiato di formazione e sensibilizzazione fondamentali per il loro ruolo di educatori di giovani menti e cuori.

 

Nello specifico, ecco cosa hanno realizzato gli Istituti

IC Sanluri, Cagliari – A CACCIA DI LIKE

I ragazzi della secondaria di primo grado, hanno realizzato incontri con psicologi, Polizia Postale ed i testimonial del Comitato Paraolimpico; passando dalle esperienze in escape room per lo stimolo alla collaborazione, il progetto si è concretizzato poi nella realizzazione di cortometraggi e di un video musicale. Per la scuola dell’infanzia e la primaria il lavoro si è concentrato sull’autostima ed il rispetto attraverso la pet therapy.

 

IISS CINE TV ROSSELLINI- Commenta+

Il progetto “Commenta +” ha visto la realizzazione di attività di formazione digitale e face to face. La creazione di gruppi di peer educator ha permesso l’organizzazione di incontri con esperti e testimonial, un corso in podcast e un video corso inseriti all’interno del canale di e-learning Commenta +, portale di formazione a distanza. 

 

IISS MAJORANA- Super rete solidale

In collaborazione con il Comune, la Polizia di Stato ed enti locali, l’Istituto ha avviato un progetto di forte coinvolgimento dei ragazzi. La realizzazione di un percorso di peer-education ha portato, infatti, alla creazione di: un gioco interattivo, 3 video di sensibilizzazione sul cyberbullismo, materiale informativo per una campagna promozionale cartacea e una campagna pubblicitaria social. Un gruppo di studenti è stato inoltre formato in coding e  websecurity .

 

IC MARCONI – Noi cyberbu elli…e tu?

Il percorso progettuale  si è articolato principalmente in laboratori artistico-espressivi, di educazione alle emozioni, di formazione sull’identità online e sulle sub-culture digitali e di stimolo alla lettura. Gli incontri di formazione si sono estesi, oltre che docenti e famiglie, anche a 6 Operatori Sociali.  Il progetto ha inoltre portato alla realizzazione di un cortometraggio e, in collaborazione con l’Osservatorio Cyberbullismo Sardegn,  della Guida per genitori SIR 2.0: uno strumento fondamentale per identificare il rischio nella scelta degli youtuber adatti all’età dei figli. 

 

IL BANDO DI FONDAZIONE CAROLINA PER IL 2022

Forte dei grandi risultati del Bando 2019, Fondazione Carolina rilancia: per il  2022 sarà presentato il Bando #NoPainAgain per la prevenzione della violenza e della discriminazione di genere attraverso progetti mirati nelle scuole, affinchè la cultura del rispetto di sè e dell’altro siano parte del programma educativo scolastico.

COSA FACCIAMO

Ricerca

Ricerca

La Rete viaggia sempre più veloce e così le mode, il linguaggio e i fenomeni sociali. È importante tenere il passo rispetto alle ultime tendenze, social e le challenge del momento.

Prevenzione

Prevenzione

La nostra mission è realizzare un futuro in cui la Rete sia un “luogo” sicuro per i bambini e gli adolescenti, riscoprendo il valore delle relazioni autentiche anche sui social.

Supporto

Supporto

Il nostro supporto, soprattuto per i casi di violenza online. Una squadra agile, efficace e tempestiva per i casi più gravi di bullismo, cyberbullismo e fenomeni illegali in Rete.

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Il bilancio di Fondazione Carolina
è stato cerficato da
PricewaterhouseCoopers SpA

Contatti

Fondazione Carolina
Sede Legale: viale Sondrio 7
20124 MILANO

  ufficiostampa@fondazionecarolina.org

  Segreteria organizzativa: 342 1711228

  Ufficio stampa: 348 2856003

CF 97802370151

Contattaci

  info@fondazionecarolina.org

Scrivici una email
per chiedere informazioni
o per comunicare con noi.

Saremo lieti di
entrare in contatto con te.