Papà Picchio

Ragazzi, siete preziosi!

“Ragazzi siete preziosi, ricordatelo sempre!”.

Queste le parole con cui Paolo Picchio, papà di Carolina, chiude ogni suo incontro con i ragazzi nelle scuole.

L’episodio che colpì sua figlia fu un fatto tragico che scosse tutta l’opinione pubblica. Paolo Picchio da quel giorno ha scelto di impegnarsi per raccogliere il messaggio lanciato dalla figlia nella sua lettera d’addio: “Le parole fanno più male delle botte. Ciò che è accaduto a me non deve più succedere a nessuno”.

Il suo impegno lo ha portato a partecipare ad oltre 200 incontri in 16 regioni italiane, incontrando migliaia di studenti. Inoltre, il papà di Caro è stato protagonista, con la sua testimonianza, delle ultime edizioni del Safer Internet Day, la Giornata europea dedicata alla sicurezza in Rete. Si è battuto fortemente per l’approvazione del ddl per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, a prima firma della Senatrice Elena Ferrara, che lo scorso di 18 giugno 2017 è diventato ufficialmente legge dello Stato. Paolo Picchio era presente in Aula il giorno dell’approvazione della norma ed è stato ricevuto dalla Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini.

Picchio collabora, inoltre, con il Centro Nazionale di Prevenzione e contrasto al cyberbullismo e ai fenomeni illegali della Rete, voluto dal Miur e intitolato a sua figlia presso. Proprio assieme al professor Luca Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli-Sacco di Milano, ha incontrato in Vaticano Papa Francesco, da sempre attento al tema del bullismo digitale, che ha benedetto il centro ed avviato un percorso di collaborazione tra Fondazione Carolina e Fondazione Scolas.

Paolo Picchio in ogni incontro chiede più consapevolezza da parte dei ragazzi, più responsabilità per le famiglie e le scuole, insieme per dire no a bullismo e cyberbullismo: «Rivivo ogni giorno il dramma di mia figlia ma cerco di rielaborarlo in maniera positiva, andando nelle scuole per evitare che ci siano altre Caroline. Ai ragazzi dico di essere empatici di fare in modo che certe cose non avvengano e se qualcosa accade di parlarne e di dirlo ai genitori, agli insegnanti, agli amici».

Leggi il pdf “Il coraggio di Papà Picchio“. 

La tua donazione per
Fondazione Carolina

Puoi aiutarci sostenendo la fondazione con un bonifico.
Ecco il codice IBAN della fondazione:

IT66N0335901600100000156375



GRAZIE!